Dinamiche Familiari e Alimentazione

Dinamiche Familiari e Alimentazione

L'atto alimentare è un evento molto complesso, che nasce dalla prima interazione con la madre e si sviluppa, acquistando significati specifici, all'interno di una fitta rete di rapporti che connotano il cibo in senso principalmente affettivo e relazionale.
Da ciò deriva che "nutrirsi" non è mai soltanto ingerire sostanze assimilabili dal nostro organismo, ma è la capacità che ha l'organismo di accogliere queste sostanze e di trasformarle in sostentamento, fisico e psichico, e per far questo la persona deve essere recettiva anche interiormente. Infatti accade che un buon cibo ci risulti indigesto se lo stato d'animo è irritato, mentre possiamo digerire alimenti pesanti se conditi con un ambiente sereno.
Al contrario, un aspetto meno noto riguarda il potere che hanno i cibi di creare particolari stati d'animo. Tutti conosciamo l'aspetto "coccolante" dei dolci o stimolante dei cibi salati, del caffè o delle "bollicine"! In realtà l'inflenza che tutti i cibi hanno sullo stato d'animo è più complessa e purtroppo spesso ignorata.
Tutte queste modalità con cui ognuno si relaziona al cibo costituiscono quindi la rappresentazione di come, in realtà, ci rapportiamo a noi stessi e al mondo che ci circonda. Diviene così interessante esserne consapevoli per comprendere meglio i bisogni e i desideri che ci animano, ma soprattutto per orientarci verso un nutrimento più adeguato al mantenimento del benessere fisico e psichico.

(Nella sezione "Corsi" potrai trovare le indicazioni per seguire brevi serie di incontri su questo tema, oppure richiedere un appuntamento per colloqui individuali, di coppia o familiari.)