Sulla Morte ed il Morire - Poesie PDF Stampa E-mail
Scritto da AA. VV. (da Ass. Dare Protezione)   

La mia religione

 

mio unico momento.
Come spenderlo altrimenti
se posso morire stanotte?
Dimorare nella fragranza
della bontà in questo mondo,
tenace, sveglia.

Non far male a me stessa

né a nessun altro.

Sorridere con coraggio
attraverso le tempeste e le prove della Vita;

fiduciosa

nell'innato principio
dell'Amore.

Pregare, vivere e morire
una via di semplicità..

Ayya Medhanandi

-

Sulla morte

Allora Almitra parlò dicendo:
"Ora vorremmo chiederti della Morte".
E lui disse: "Voi vorreste conoscere
il segreto della morte, ma come potrete
scoprirlo se non cercandolo nel cuore della vita?
Il gufo, i cui occhi notturni sono ciechi
al giorno, non può svelare

il mistero della luce.

Se davvero volete conoscere lo spirito
della morte, spalancate il vostro cuore
al corpo della vita, poiché la vita e la morte
sono una cosa sola, come una sola cosa
sono il fiume e il mare".

Nel fondo delle vostre speranze e dei vostri
desideri sta la tacita consapevolezza di ciò
che è oltre e come i semi che sognano sotto
la neve, il vostro cuore sogna la
primavera... Poiché cos'è il morire se non
giacere nudi nel vento e disciogliersi nel
sole?...

Solo se berrete al fiume del silenzio
canterete veramente e quando avrete
raggiunto la vetta del monte è allora che
comincerete a salire. E quando la terra
reclamerà le vostre membra, allora
danzerete veramente.

Kahlil Gibran, Il Profeta

-

Forse ci sono altri modi
d'essere vivi,
più veri,
discreti,
lieti di un abbandonato
contemplare
il creato
di attraversare la nascita
la morte
come si attraversa un prato.
Luciano De Giovanni,
Con te prigioniero

-

(Le poesie sono tratte dalla raccolta "POESIE - Passi con la fiducia per mano", Ass. ONLUS Dare Protezione, 2008)

 

di questo momento
ora,
Vivere e morire senza rimpianto
questa è la mia religione
assaporare la tazza
del sacramento
 
Pros. >